Rifiuti, Gasparri (An): “Bassolino si dimetta”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Rifiuti, Gasparri (An): “Bassolino si dimetta”

31 Luglio 2007

“La gravità delle
accuse formulate dalla Procura di Napoli nei confronti del Presidente della
giunta regionale Bassolino, impedisce di poter attendere l’esito della decisione
della magistratura giudicante”. Lo afferma l`ex ministro Maurizio Gasparri, di
An, che reputa quindi urgenti le dimissioni del presidente della Giunta
regionale campana.

Infatti i Pm della Procura di Napoli, Giuseppe Noviello e Paolo
Sirleo, hanno depositato da qualche ora la richiesta di rinvio a giudizio dell’Impregilo,
Fisia Italimpianti, Fibe e Fibe Campania, del presidente della Giunta regionale
campana Antonio Bassolino e di altri 23 indagati, su presunte irregolarità nello
smaltimento dei rifiuti in Campania.

Quindi, prosegue Gasparri: “A Bassolino è doveroso chiedere
un atto di responsabilità con le proprie dimissioni o almeno l’autosospensione
dall’incarico fino all’accertamento pieno e totale delle sue responsabilità.
Qui non si tratta di fare del giustizialismo a buon mercato ma non è pensabile
che il presidente della terza regione d’Italia rimanga impunemente al suo posto
mentre la magistratura lo accusa di truffa aggravata e di frode in pubbliche
forniture”.

E ancora dice: “Per la verità non è neanche chiaro, in
attesa di leggere le motivazioni, come mai non sia stata applicata anche a
Bassolino la misura interdittiva disposta nei confronti di Impregilo e Fibe.
Accanto alle responsabilità giudiziarie che la magistratura sta accertando, ci
sono comunque quelle già ampiamente provate di Bassolino nel disastro
ambientale della Campania”.

Quindi conclude: “Questo deve spingere l’opposizione ad
avviare un processo di chiarimento e rigenerazione dei gruppi dirigenti
cancellando ogni sospetto di consociativismo e ogni tentazione di complicità”.