Rifiuti. Migliora la situazione a Napoli, a terra circa 300 tonnellate

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Rifiuti. Migliora la situazione a Napoli, a terra circa 300 tonnellate

31 Dicembre 2010

È migliorata la situazione rifiuti a Napoli grazie ad una raccolta straordinaria ancora in corso. "Al momento – afferma l’ assessore comunale all’ igiene Paolo Giacomelli – restano a terra tra le 200 e le 300 tonnellate di rifiuti non raccolti, ma l’ obbiettivo è quello di arrivare all’ azzeramento entro questa sera".

Ieri sono state raccolte 1600 tonnellate di rifiuti, circa 400 in più della produzione giornaliera. Stamattina si lavora a Monteoliveto, Salvator Rosa ed ai Decumani, che restano aree critiche, mentre questa notte la raccolta speciale, che comincerà alle 3, riguarderà il Rettifilo e S. Teresa al Museo. Resterà aperta per tutta la notte la discarica di Chiaiano, mentre gli impianti Stir di Caivano e Tufino chiuderanno alle 18.

Per il conferimento dei rifiuti raccolti si punta sulla discarica di S. Maria Capua Vetere, messa a disposizione della Provincia di Caserta. I cumuli di immondizia ancora giacenti saranno innaffiati da squadre di Vigili del fuoco, della Protezione civile regionale e del Corpo Forestale dello Stato per prevenire incendi causati dai botti di fine d’ anno.