Rom: utilizzavano bambini per rapine

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Rom: utilizzavano bambini per rapine

30 Giugno 2008

Roma, 30 giu. (Apcom) – Gli agenti della questura di Verona hanno eseguito il fermo di otto persone di etnia rom che, a quanto riferisce la Polizia di Stato, costringevano bambini a commettere furti in abitazioni. Associazione a delinquere finalizzata a commettere furti in abitazioni mediante lo sfruttamento di bambini, maltrattamenti e abbandono di minori sono le accuse mosse alle persone fermate, tutte e otto di etnia croata. L’indagine, denominata "catene spezzate" era partita a gennaio in seguito a un’escalation di delitti e furti nel veronese.

Gli inquirenti sono riusciti a risalire a una vera e propria organizzazione mobile in tutto il Nord Italia gestita e controllata da nomadi maggiorenni che periodicamente si accampavano fuori dal centro abitato e costringevano i bambini a compiere i furti. La polizia è riuscita a scoprire l’associazione esaminando i dati nella memoria dei telefoni cellulari dei minori che venivano fermati dopo i tentativi di furto e, sprovvisti di documenti, spesso fornivano false generalità. Nel corso dell’indagine sono stati accertati centinaia di furti aggravati in abitazione in Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Emilia Romagna.

Inoltre, i bambini venivano sottoposti quotidianamente a maltrattamenti che andava da pesanti insulti a vessazioni di ogni genere fino a ritorsioni di tipo sessuale. Le famiglie dell’organizzazione si spostavano nel Nord utilizzando anche falsi documenti di identità e con numerosi bambini al seguito, alcuni figli propri e altri probabilmente avuti in affido da altre famiglie che venivano poi indotti a commettere furti prevalentemente di gioielli e denaro, abbandonandoli poi al loro destino ogni qualvolta venivano fermati. Elevati i ricavati delle operazioni, tanto che gli indagati oltre a possedere un parco automezzi costituito da Mercedes e camper nuovissimi, risultavano aver acquistato degli appartamenti in Veneto, appoggiandosi ad una Agenzia Immobiliare.