Russia: rinnovo Duma, vince il partito di Putin

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Russia: rinnovo Duma, vince il partito di Putin

03 Dicembre 2007

Il partito Russia Unita, con il presidente Vladimir Putin capolista, ha vinto le legislative di ieri con il 64,1% dei suffragi.

Lo ha annunciato il presidente della Commissione elettorale centrale Vladimir Churov in una conferenza stampa convocata con lo spoglio delle schede giunto al 98%.

In base a dati preliminari l’affluenza è stata del 63%, ha comunicato lo stesso Churov alla fine della conferenza stampa. Un dato che segnala un’accelerazione della partecipazione al voto rispetto alle legislative del 2003 di oltre sette punti percentuali (quattro anni fa per la Duma aveva votato il 55,75%), che rafforza ulteriormente il plebiscito per il presidente Putin, ma anche i dubbi sulla regolarità di una chiamata alle urne troppo ‘liberale’ rispetto alle regole elettorali, come segnalato ieri già da vari osservatori.

Nella nuova Duma russa entrano dunque quattro partiti: molte lunghezze dopo Russia Unita arriva il Partito comunista con l’11,6% dei voti, seguito dai nazionalisti del partito Liberal-Democratico con l’8,7% e infine Russia Giusta, l’altra formazione dichiaratamente filo-Cremlino, con il 7,8% delle preferenze. (Apcom)