Sabato la convention Udc per costruire Area Popolare responsabile e moderata

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Sabato la convention Udc per costruire Area Popolare responsabile e moderata

26 Febbraio 2015

"Il tempo politico che stiamo vivendo richiede un grande realismo, per affrontare nei prossimi anni le sfide concrete che i giovani e le famiglie pongono al governo, con cui collaboriamo con lealtà e con convinzione. Ma l’alternativa a Renzi non può essere Salvini, né tanto meno Grillo. Serve un’area animata dallo spirito del cattolicesimo popolare che si assuma le sue responsabilità in un tempo tutt’altro che facile, ma più che mai aperto alla scoperta di nuovi valori e nuovi significati della vita politica" lo afferma Paola Binetti,  deputata UDC in Area Popolare. "Come ogni sabato mattina anche dopodomani a Roma ci saranno manifestazioni e cortei che creano ansia e preoccupazione. L’iniziativa della Lega, e di quel Matteo antagonista del premier, farà di tutto per catalizzare l’attenzione dell’opinione pubblica. Ma l’evento politico più rilevante di sabato prossimo penso sia un altro. La Convention dell’UDC avrà un tono decisamente diverso, meno gridato e di piazza, più costruttivo e attento al dialogo” aggiunge Paola Binetti. “L’UDC, in questa nuova fase, appare sempre più determinata a dare vita ad un’area popolare che prefiguri un Partito popolare di stampo europeo: coraggioso nelle riforme, aperto alla collaborazione con tutti, deciso a stare nella maggioranza di governo senza rinunciare a far emergere le sue posizioni, la sua storia e i suoi temi preferiti: la famiglia, la scuola, anche quella paritaria, il lavoro, soprattutto quelle delle piccole e medie imprese, la lotta alla corruzione, senza dimenticare i grandi problemi della salute, anche in chiave sociale" conclude.