Home News Salvini e Gazebo li aspettiamo al varco

Libia e immigrazione

Salvini e Gazebo li aspettiamo al varco

0
3

La giornata di domenica si era aperta con un kafkiano tweet di Salvini: gli immigrati vanno aiutati ma senza farli sbarcare. E’ il bello di seguire Matteo No Euro su Twitter, un’eterna sfida all’interpretazione. Il meglio però doveva arrivare in seconda serata con Gazebo: immagini di migranti che sbarcano a Lampedusa, calzini e sottofondo sanremese, followers che si esaltano chiedendo il Nobel per Zoro e di ritrasmettere la puntata a reti unificate.

Beh, dal leader della Lega Nord aspettiamo ancora delucidazioni sul metodo con il quale vorrebbe ‘aiutare gli immigrati a casa loro’. Siccome la risposta tarda ad arrivare, l’impressione è che – se non si tratta di malafede – a Salvini non è chiaro cosa sta accadendo dall’altra parte del Mediterraneo.

A Gazebo invece, in attesa del premio Saint-Vincent, è sufficiente ricordare una dichiarazione dell’UNHCR del 10 febbraio scorso. Ci permettiamo di farlo noi visto che alla portavoce dell’Alto Commissariato presente in sala, fra i tanti complimenti fatti al conduttore, probabilmente è mancato il tempo.

L’Europa, ha detto l’UNHCR, “fornisca all’Italia un sostegno adeguato in modo che possa far fronte agli arrivi di persone che attraversano in modo irregolare il Mediterraneo”.

Con Mare Nostrum, il Governo italiano si è assunto responsabilmente il compito unilaterale di pattugliare e prestare soccorso nel Mediterraneo. Abbiamo portato la questione a Bruxelles durante il semestre e ottenuto una maggiore condivisione delle operazioni con Triton. Si può fare di più e si può fare meglio. Per esempio dirsi pronti a evitare che la Libia divenga uno Stato fallito. Ed è proprio sull’eventuale intervento militare nel Paese nordafricano che aspettiamo al varco lorsignori.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here