Sciopero British Airways, sindacati: “Più di 120 aerei a terra”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Sciopero British Airways, sindacati: “Più di 120 aerei a terra”

22 Marzo 2010

Il primo giorno di sciopero del personale di bordo della British Airways ha costretto a terra almeno il 50% dei 250 aerei della compagnia di bandiera britannica. Lo ha annunciato oggi la Unite, la principale organizzazione sindacale del Paese che ha indetto la protesta due giorni fa, dopo il fallimento delle trattative con i vertici aziendali.

Il Terminal 5 della Ba a Heathrow sembrava una "città fantasma", ha affermato Unite, citato dal sito internet della Bbc, smentendo di fatto la compagnia che ha parlato di una adesione più bassa del previsto alla protesta. Secondo Unite è fallito anche il piano di contingentamento messo a punto dalla Ba per garantire nei tre giorni il servizio per almeno 45mila passeggeri.

Coinvolta in un duro braccio di ferro con i sindacati a seguito delle misure di austerità e dei tagli all’occupazione da essa decise per fare fronte alle ingenti perdite, la British Airways ha comunicato che quasi tutti gli equipaggi di servizio a Gatwick, secondo scalo londinese, e circa il 50% di quelli assegnati a Heathrow, ieri si erano presentati regolarmente al lavoro. La British Airways è riuscita anche ad assicurare in extremis più di una decina di collegamenti fra cui quelli per Miami e Los Angeles e alcuni voli a corto raggio per destinazioni europee.