Sentenze omicidio Hina, lo zio ha occultato il cadavere

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Sentenze omicidio Hina, lo zio ha occultato il cadavere

13 Novembre 2007

Arrivano le sentenze per l’omicidio della giovane Hina. Trent’anni di reclusione per il padre e i due cognati. Due anni e 8 mesi invece allo zio per concorso nell’occultamento di cadavere.

E’ questo il verdetto dei giudici di Brescia per l’uccisione della giovane, sgozzata e sepolta nell’orto della casa dai propri familiari perchè ritenuta troppo “occidentale”. 

E’ stato anche deciso di tenere in isolamento Khalid, uno dei due cognati, perché in carcere avrebbe aggredito il padre di Hina. La madre della vittima alla lettura della sentenza ha dato in escandescenze in aula difendendo il marito. “Me lo ammazzano”, ha gridato in aula.

Hina Saleem è stata uccisa l’11 agosto dell’anno scorso a Brescia. La famiglia non le aveva perdonato di non essere una buona musulmana. La ragazza era pure fidanzata con Giuseppe, un ragazzo di 33 anni bresciano e cattolico. La ragazza aveva tenuto
nascosto alla famiglia anche che aveva un lavoro.