Serbia, Kostunica: “Elezioni in Kosovo nonostante divieto Onu”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Serbia, Kostunica: “Elezioni in Kosovo nonostante divieto Onu”

14 Aprile 2008

Le elezioni amministrative serbe
dell’11 maggio si terranno anche in Kosovo, nonostante il divieto
posto dall’amministrazione Onu (Unmik). Lo ha ribadito il premier
uscente di Belgrado, Vojislav Kostunica.

“Semplicemente, legittimeremo l’appartenenza del Kosovo alla
Serbia organizzando le elezioni in Kosovo, che l’Unmik lo voglia
o meno nell’attuale caos giuridico che regna in Kosovo”, ha
assicurato Kostunica in un’intervista
all’emittente B92, in cui ha inoltre smentito di aver stretto un
patto di coalizione con il Partito radicale serbo (Srs). La settimana scorsa il capo dell’Unmik a
Pristina, Joachim Ruecker, aveva ribadito a Belgrado di avere il
potere esclusivo di indirre elezioni nell’ex provincia serba,
dichiaratasi indipendente il 17 febbraio scorso. La decisione
serba è stata pubblicata oggi nella gazzetta ufficiale.

Le elezioni amministrative in Serbia coincidono con quelle
legislative, indette a marzo dopo la rottura tra Kostunica,
nazionalista moderato e gli europeisti che fanno capo al
presidente Boris Tadic, provocata dall’indipendenza del Kosovo.

Per quanto riguarda l’alleanza con gli ultranazionalisti, il cui
leader Vojislav Seselj è sotto processo al Tribunale penale
internazionale dell’Aia per l’ex Jugoslavia (Tpij), il premier
serbo ha negato tutto. “La coalizione tra Seselj e Vojislav
Kostunica non esiste e non c’è nessun accordo”, ha detto parlando
di sé in terza persona.

Infine Kostunica è tornato sull’argomento dell’Accordo di
stabilizzazione e associazione (Asa) con l’Ue, ribadendo che deve
prevedere l’integrità territoriale della Serbia, Kosovo incluso.
Bruxelles vorrebbe firmare l’intesa – già sottoposta ad una firma
tecnica a novembre – per rafforzare il campo filoeuropeista di
Tadic in vista delle elezioni. Ma in ambito europeo Olanda e
Belgio si oppongono, insistendo sulla consegna dell’ex generale
Ratko Mladic come pre-condizione essenziale.