Serbia. Olanda pronta a dire sì in cambio di “cooperazione con l’Aja”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Serbia. Olanda pronta a dire sì in cambio di “cooperazione con l’Aja”

25 Ottobre 2010

L’Olanda è pronta a togliere il proprio veto sull’adesione alla Serbia, purché "ogni passo successivo del negoziato sia vincolato all’unanimità dei 27 sulla valutazione del livello di cooperazione di Belgrado con il Tribunale penale internazionale dell’Aja": lo riferiscono fonti olandesi in margine al consiglio esteri a Lussemburgo, che oggi decide se concedere alla Commissione Ue il via libera per cominciare a valutare la domanda serba di adesione alla Ue.

La posizione olandese si scontra ora con quella della Svezia che considera il testo di compromesso in discussione troppo duro. Stoccolma vorrebbe un’apertura maggiore verso Belgrado senza condizionare i passi successivi all’unanimità sul Tpi.

"Se resta il voto unanime sulla valutazione della cooperazione con il Tribunale internazionale dell’Aja, noi siamo pronti a dare il nostro appoggio per trasmettere la domanda di adesione della Serbia alla Commissione Ue", hanno indicato le fonti olandesi. "Il punto chiave per noi è la cooperazione con il Tpi".