Smog. Prestigiacomo: “Tenere le temperature più basse nelle case”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Smog. Prestigiacomo: “Tenere le temperature più basse nelle case”

27 Gennaio 2010

"Milano è leader nella lotta allo smog", ma gli interventi isolati "non bastano" e nell’immediato si pensa anche a ridurre la temperatura nelle abitazioni. La ricetta anti-smog è del ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, che in un’intervista al Corriere della Sera spiega che il ministero lavora da "più di otto mesi" assieme ai dicasteri dello Sviluppo economico e delle Infrastrutture per un piano nazionale contro lo smog.

Il piano in questione conterrà diversi livelli di intervento, tra cui le "linee guida per i Comuni, su mobilità sostenibile e risparmio energetico". Anche nelle zone più virtuose, spiega il ministro, "in particolari condizioni climatiche possono diventare necessarie ulteriori misure, anche impopolari". Come i "limiti di velocità su strade a rischio o l’intimazione a tenere le temperature più basse negli appartamenti".

"Facciamo tutti gli americani: vogliamo stare in casa in magliettina anche se fuori nevica", dice la Prestigiacomo. Determinanti sono le automobili, ma non solo: "anche la caldaie vecchie andranno rottamate e sostituite con altre con migliore efficienza energetica". Da rottamare anche "i vecchi mezzi di trasporto pubblico". Spese non indifferenti, ma "non ancora" quantificate dal Ministero che sta studiando a questo proposito "formule e incentivi".