Sri Lanka. 300 malati ostaggio dei separatisti Tamil

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Sri Lanka. 300 malati ostaggio dei separatisti Tamil

28 Gennaio 2009

I guerriglieri separatisti dello Sri Lanka, le Tigri Tamil, hanno preso in ostaggio 300 malati di un ospedale che usano come scudi umani. A denunciarlo sono funzionari della Croce Rossa e delle Nazioni Unite sul posto. Si legge oggi sul quotidiano dello Sri Lanka Daily News.

Inoltre, una colonna di ambulanze, camion e mezzi di Croce Rossa e Onu ha cercato di raggiungere Puthukkudiyiruppu, dove si sapeva della presenza di malati in un ospedale, per trasportare questi un una ospedale di una zona piu’ sicura, a Vavuniya. L’esercito regolare ha aperto per il convoglio un corridoio ma, una volta raggiunto l’ospedale, gli operatori umanitari sono stati rimandati indietro da uomini armati dell’esercito di liberazione delle Tigri Tamil.

A questo punto l’esercito ha deciso di intervenire per aiutare i funzionari di Onu e della Croce Rossa a recuperare i malati, ma le Tigri avrebbero utilizzato le lettighe con i malati per farsi scudo contro i militari governativi.