Home News Sri Lanka. Arrestato ex generale Fonseka, la moglie s’appella al Cicr

Sri Lanka. Arrestato ex generale Fonseka, la moglie s’appella al Cicr

0
5

L'ex generale cingalese Sarath Fonseka, arrestato ieri sera per non meglio specificate "offese militari" e "per atti fraudolenti", sarà giudicato da una corte marziale. Lo ha reso noto il direttore generale del Centro per i media per la sicurezza nazionale, Laksham Hullugala.

In passato Fonseka è stato accusato di aver rivelato segreti militari e di aver progettato l'assassinio del presidente Mahinda Rajapaksa. L'ex comandante dell'esercito, che ha abbandonato la divisa nell'autunno scorso, ha sfidato senza fortuna come leader dell'opposizione il capo dello Stato nelle elezioni presidenziali anticipate del 26 gennaio scorso. Il generale a riposo è stato il principale sfidante di Rajapaksa alle presidenziali del 26 gennaio, ha ufficialmente contestato i risultati delle consultazioni (alle quali ha ottenuto il 40% delle preferenze contro il 58% conquistato dal presidente) e questa settimana avrebbe dovuto contestarli di fronte a un tribunale.

Dalle elezioni, oltre 20 persone dello staff di Fonseka, compreso un generale a riposo, sono state arrestate. Ieri insieme al generale è stato catturato anche il suo addetto stampa, Senaka de Silva. Secondo Lakshman Hulugalle, responsabile dei rapporti con la stampa della Sicurezza nazionale, Fonseka potrebbe essere giudicato dalla corte marziale per aver cospirato contro il governo che, nei giorni scorsi, ha accusato l'opposizione e lo stesso generale di pianificare l'assassinio di Rajapaksa.

Le forze dell'opposizione cingalese, guidate dal Partito nazionale unito (Unp), hanno annunciato per oggi una conferenza stampa per denunciare l'accaduto. Negli Stati Uniti, i portavoce del Dipartimento di Stato e dell'Onu hanno manifestato preoccupazione per gli ultimi sviluppi della situazione a Colombo e per l'arresto di Fonseka. Anche Annesty International ha accusato il governo dello Sri Lanka d'aver accentuato la "repressione dell'opposizione politica" con l'arresto di ieri. In una dichiarazione pubblicata oggi dai media a Colombo, il direttore per l'area Asia Pacifico di Ai, Sam Zarifi, ha detto che "l'arresto di Fonseka è un nuovo passo della escalation della repressione post-elettorale contro l'opposizione politica".

Vijitha Herath, deputato del partito di sinistra Jvp, membro della coalizione che Fonseka ha guidato alle elezioni presidenziali del 26 gennaio, ha detto che l'ex generale "è stato arrestato da uomini che si sono presentati come appartenenti al ministero della Difesa, e non dalla polizia, come avrebbe dovuto essere". 

La moglie dell'ex comandante Fonseka, si è rivolta oggi al Comitato internazionale della Croce rossa (Cicr) e l'opposizione cingalese ha annunciato per domani manifestazioni in numerose città del Paese. In merito all'arresto, il ministero della Difesa ha diramato oggi un comunicato in cui sostiene che Fonseka, nonostante abbia abbandonato l'esercito, può essere deferito per legge davanti ad una Corte marziale. "Il suo avvocato e la sua famiglia - si precisa - hanno ottenuto accesso pieno al detenuto, così come gli è stata fornita una completa assistenza medica, come da lui richiesto".

La moglie, Anoma Fonseka, comunque, ha dichiarato oggi di aver chiesto al Cicr di intervenire affinchè il marito possa disporre delle medicine di cui fa uso quotidianamente. Infine, il deputato Kar Jayasuriya, vice-segretario del Partito nazionale unito (Unp), ha annunciato che domani numerose manifestazioni di protesta si svolgeranno in città importanti del paese per protestare contro l'arresto di Fonseka.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here