Storace nel suo blog: Basta con i veti di Fini

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Storace nel suo blog: Basta con i veti di Fini

17 Novembre 2007

“Spero che finisca presto questa ridicola telenovela che riguarda il centrodestra. Sono giorni che i media bombardano la coalizione.

E tutto questo perché Fini tenta in ogni modo di disarcionare Berlusconi con i pretesti più vari”. Così scrive nel suo blog il leader de La Destra Francesco Storace.

“Fini pretende che il leader del centrodestra rinunci al sostegno leale (e gratuito in tutti i sensi, vale la pena di aggiungere…) de La Destra, già testata nei sondaggi al 3,5%”.

“È una tesi insostenibile quella del veto nei nostri confronti – prosegue – La Cdl ha già pagato i veti finiani: nel 1996 con Rauti, nel 2005 con Alessandra Mussolini, nel 2006 con Musumeci, stendiamo un velo pietoso sulla cacciata di Tremonti dal governo, e ancora Fini ci riprova, questa volta nei nostri confronti. I veti non portano voti”.

E ancora: “È un atteggiamento con cui non si va da nessuna parte – attacca Storace – Fini deve solo capire che, qualunque cosa voglia fare da grande, il consenso de La Destra sarà determinante. Quindi, accetti fuori dal suo silente partito quello che non ha tollerato all’interno, ovvero che vi sono uomini e donne che la pensano diversamente da lui e di cui anche lui ha bisogno per battere la sinistra, se davvero è ancora questo il suo obiettivo”.

Storace definisce le istanze del leader di An “capricci” che “alla lunga stancano” così come “i continui giri di valzer (o di Walter) sulla legge elettorale: Fini sembra ossessionato dall’inutile tentativo di non farci entrare in Parlamento. La strada migliore per far perdere al centrodestra ogni possibilità di tornare al governo – dice Storace – è quella di puntare a cancellarci per legge: noi ci saremo comunque ed è deprimente l’atteggiamento di un leader che vede nemici in casa, dimenticando quelli che stanno fuori. Spero che rinsavisca presto”.

Infine un consiglio: “Non se la prenda con Striscia la notizia. Per un uomo politico è difficile invocare la privacy, quando ci si immerge in storie non ordinarie. Che cosa avrebbe dovuto combinare Silvio Berlusconi quando Repubblica stampò in prima pagina la lettera della moglie? Al massimo c’è spazio per un’arrabbiatura, questa sì privata: ma credo che sia doveroso smentire le minacce di ritorsioni legislative su Mediaset. Che c’azzecca?, direbbe l’alleando Di Pietro”.