Sudan. Pagherà una multa la giornalista con i pantaloni, no a frustate

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Sudan. Pagherà una multa la giornalista con i pantaloni, no a frustate

07 Settembre 2009

La giornalista sudanese Lubna Ahmed al-Hussein, fermata il 3 luglio dalla polizia di Khartoum perché indossava i pantaloni, ha evitato la condanna alla fustigazione, come prevede la legge sudanese.

Secondo quanto riferisce la tv satellitare ‘al-Arabiya’, che cita fonti ufficiali di Khartoum, nel corso dell’udienza di oggi del processo a suo carico, la giornalista del quotidiano di sinistra ‘al-Sahafa’ è stata condannata a pagare una multa di 200 dollari. È l’articolo 152 del codice penale sudanese che prevede la pena di 40 frustate e, in alternativa o in aggiunta, il pagamento di una multa.

La giornalista aveva attirato su di sé il clamore mediatico inviando 500 inviti a giornalisti e politici locali per assistere alla sua eventuale condanna alla fustigazione. A tale proposito nelle scorse ore aveva dichiarato: "Non ho paura di essere frustata".