Svizzera: è morto a 102 anni il padre dell’Lsd

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Svizzera: è morto a 102 anni il padre dell’Lsd

30 Aprile 2008

l “padre dell’Lsd”, Albert
Hofmann, è morto questa notte all’età i 102 anni, nella sua casa
di Burg, in Svizzera. Era nato l’11 gennaio dl 1906.

Hofmann scoprì “per caso” nel 1938 l’Lsd, il dietilamide-25
dell’acido lisergico, una delle più potenti sostanze stupefacenti
allucinogene conosciute.

All’epoca lavorava come ricercatore per l’azienda chimica
Sandoz. L’Lsd si rivelò però insoddisfacente nel corso della
sperimentazione animale e non destò all’epoca alcun interesse fra
gli scienziati.

Solo il 16 aprile del 1943 Hofmann ricreò il processo di sintesi
dell’Lsd e scoprì gli incredibili effetti della droga: durante il
procedimento infatti assorbì parte della sostanza attraverso la
pelle. Con sperimentazioni successive su se stesso Hofman scoprì
e descrisse nei dettagli gli effetti dell’allucinogeno. Scrisse
diversi libri sull’argomento, fra cui “Viaggi Acidi” e “LSD: il
mio bambino difficile”.

Una tipica dose di appena 100 microgrammi può causare
alterazione dei sensi e della memoria per un periodo dalle 6 alle
14 ore. Può produrre inoltre illusioni ottiche molto pronunciate
e spettacolari fantasie oniriche.