Home News Telecom: Della Vedova, no a esproprio della rete

Telecom: Della Vedova, no a esproprio della rete

0
1

Sulla rete di Telecom Italia "l'esproprio" e' inaccettabile. Cosi' Benedetto Della Vedova, Presidente dei Riformatori Liberali e deputato di Forza Italia, ha risposto alle "reiterate prese di posizione da parte di membri del governo" e in particolare alle dichiarazioni odierne del vice ministro dello Sviluppo economico, Sergio D'Antoni.

"Arrivare ad una separazione della rete Telecom dal resto della societa' e' inaccettabile - ha detto in una nota - tanto piu' ora che il controllo dell'azienda potrebbe passare di mano. Il centrosinistra ebbe l'occasione di operare la separazione della rete dieci anni fa, al momento della privatizzazione: allora la scelta sarebbe stata 'neutrale'. Invece il primo governo Prodi "decise di vendere in blocco Telecom al fine di massimizzarne il valore a beneficio del Tesoro". Per Della Vedova, tornare oggi su su quella decisione e' inaccettabile "prima di tutto perche ora si tratterebbe di un vero e proprio esproprio ai danni della Telecom e dei suoi potenziali acquirenti - ha spiegato - e in secondo luogo perche il concetto di strategicita' della rete fissa e' sempre piu' discutibile alla luce delle nuove tecnologie wireless". Per quanto riguarda l'ultimo miglio poi, l'Authority sulle Tlc e' perfettamente in grado di assicurare parita di accesso a tutti gli operatori indipendentemente da chi ne sia il proprietario. "Sarebbe bene che il Governo Prodi non utilizzi la minaccia di un esproprio della rete come strumento per attuare surrettizie politiche protezioniste tese a garantire un'astratta 'italianita'' di Telecom - ha concluso - che non coincide con lo sviluppo industriale dell'azienda, unico vero interesse per l'economia italiana".

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here