Telecom. Secondo il WSJ At&t è l’unica vincitrice

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Telecom. Secondo il WSJ At&t è l’unica vincitrice

18 Aprile 2007

Dopo il Financial Times, fioccano critiche anche dall Wall Street Journal, secondo cui dalla vicenda Telecom sono usciti “tutti sconfitti tranne AT&T”.
“AT&T con la sua decisione non ha
perso un soldo, anche se avrebbe dovuto riflettere meglio su un
suo coinvolgimento in questa vicenda”, infatti, ricorda il quotidiano, “già
nove anni fa la vecchia AT&T rimase scottata in Italia, quando
Telecom Italia la mollò per stringere un’alleanza con la
britannica Cable&Wireless”.
Il WSJ considera “perdenti” l’Italia, la cui “già cattiva
reputazione di protezionismo aziendale è ora peggiorata”, e Marco Tronchetti Provera, “che ha
perso la sua scommessa dopo aver fatto irritare tutto
l’establishment italiano”. Purtroppo alla lista si aggiugono anche i piccoli
azionisti Telecom, che “sebbene non avrebbero ricevuto alcun
premio, hanno perso la chance di vedere più in là acquistare
le proprie azioni da parte di AT&T a un prezzo più alto. E che
sono rimasti impantanati con Mr.Tronchetti dopo che nei sei anni
del suo ‘regno’ il valore delle azioni si è dimezzato”. Ma nemmeno Carlos Slim, numero uno della
messicana America Movil, non passa indenne dalla penna del quotidiano finanziario, infatti dopo l’abbandono del partner AT&T è
rimasto solo e “difficilmente riuscirà a sconfiggere il
protezionismo italiano”.