Terremoto. Ritrovato affresco durante lavori nella chiesa di Coppito

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Terremoto. Ritrovato affresco durante lavori nella chiesa di Coppito

07 Dicembre 2009

Un affresco raffigurante una scena dell’adorazione dei pastori è stato ritrovato nella chiesa di San Pietro, nella frazione di Coppito durante i lavori di messa in sicurezza in vista della prossima riapertura a Natale.

L’affresco, probabilmente di Saturnino Gatti è venuto fuori dall’apertura di alcune tamponature laterali a causa del sisma. "Si tratta di un ritrovamento eccezionale – ha commentato l’arcivescovo metropolita, Giuseppe Molinari – specie a pochi giorni dal Natale". La Soprintendenza è stata chiamata in causa durante i lavori, condotti dall’impresa Sap, sotto il coordinamento di Giuseppe Tempesta.

"Nel corso dell’analisi di tutto il quadro fessurativo – spiega l’architetto Marcello Marchetti, della Soprintendenza – abbiamo notato una serie di lesioni, così nelle operazioni di scuci e cuci ci siamo accorti di questi lavori che venivano eseguiti a partire dalla facciata". Secondo l’architetto della Soprintendenza questo affresco è stato chiuso nel XVIII secolo, quando a seguito ancora del terremoto del 1460, la chiesa benedettina a tre navate è diventata in un’aula unica.

"Dopo il terremoto del 1703 – ha proseguito – la chiesa è stata ricomposta in maniera barocca mettendo gli altari e chiudendo tutta la parte presbiteriale per cui la zona dietro non era più a vista, ma il sisma del 6 aprile ha aperto le tamponature restituendo questo affresco". Secondo la storica dell’arte Biancamaria Colasacco, l’affresco è ragionevolmente databile tra l’ultimo decennio del 1400 e il primo decennio di 1500. "La qualità di questo frammento – spiega – che era il fondo di un’edicola anche essa affrescata, ci consente di azzardare l’ipotesi che si tratti di Saturnino Gatti".