Terrorismo. Secondo Usa c’è rischio di attentati in Turchia

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Terrorismo. Secondo Usa c’è rischio di attentati in Turchia

18 Marzo 2009

Le autorità statunitensi hanno messo in guardia le forze di sicurezza turche riguardo ad un possibile attacco contro obiettivi sensibili stranieri da parte dell’organizzazione terroristica Al Qaeda. A riferirlo è il quotidiano Milliyet – di solito bene informato sulle vicende legate al terrorismo – secondo il quale 15 presunti militanti di Al Qaeda esperti nella fabbricazione di ordigni esplosivi sarebbero entrati illegalmente in Turchia negli ultimi due mesi.

La stessa fonte suggerisce che i militanti islamici – di origine libanese, marocchina, siriana e palestinese – avrebbero posto le loro basi operative nelle provincie meridionali di Konya e Aksaray e sarebbero pronti a compiere attentati contro rappresentanze diplomatiche straniere. Secondo il quotidiano, un altro militante di Al Qaeda, proveniente dalla Norvegia, si sarebbe unito al gruppo con lo scopo di portare a termine attentati dinamitardi contro aerei Usa e israeliani in Turchia.

I servizi di sicurezza Usa ritengono che i vertici di Al Qaeda, in occasione di un loro ultimo incontro tenutosi in Pakistan, abbiano deciso di concentrare le attività terroristiche contro obiettivi situati in Turchia ed Afghanistan.