Home News Thailandia. Tre attacchi in provincia musulmana del sud, tre vittime

Thailandia. Tre attacchi in provincia musulmana del sud, tre vittime

0
37

Tre persone hanno perso la vita oggi in altrettanti attacchi a Yala, una delle tre province a maggioranza musulmana della Thailandia. Gli attacchi, due con armi da fuoco e uno con una bomba, sono stati attribuiti dalla polizia ai ribelli islamici indipendentisti che dal gennaio 2004 lottano per creare uno stato islamico separato dalla buddhista Bangkok.

Il totale delle vittime è estimato in oltre 3700 persone in cinque anni e mezzo. Gli attacchi odierni seguono l'esplosione di un'autobomba, che ieri ha ferito 42 persone nella vicina provincia di Narathiwat. La terza provincia del cosiddetto 'Deep South' è Pattani.

Per Zachary Abuza, autore di diversi libri sul conflitto in questa zona della Thailandia, l'autobomba è il sintomo di un cambiamento nella tipologia del materiale esplosivo usato. "Qui sono normalmente usati ordigni esplosivi improvvisati (Ied) di circa cinque chili, ma questo mese si è notato un trend verso Ied più grandi, di circa 20 chili", ha detto a 'Conterterrorism blog'.

Ordigni di circa 20 chili sono stati usati in attacchi condotti il 19, 20 e 21 agosto. Le tre province erano unite nel sultanato di Pattani fino al 1902 quando, in una spartizione di territori tra Inghilterra - allora potenza coloniale della vicina Malaysia - e Siam, come la Thailandia era chiamata allora, passarono sotto il controllo di Bangkok.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here