Home News Togliatti, 50 anni fa l’addio dei comunisti al loro leader storico

Tutte le news

Togliatti, 50 anni fa l’addio dei comunisti al loro leader storico

0
18

50 anni fa, il 21 agosto del 1946, moriva a Yalta il leader storico del Partito comunista italiano, Palmiro Togliatti. Aveva guidato per oltre trent'anni il Pci diventando una delle figure principali e controverse della storia politica italiana.

Togliatti era nato a Genova il 26 marzo 1893 in una famiglia piccolo borghese. Dopo il crollo del Fascismo e la "Svolta di Salerno", nel marzo del '44 Togliatti torna in Italia dopo un lungo esilio e collabora con il Governo Badoglio nei governi di unità nazionale.

Con la fine della seconda guerra mondiale, il Pci emerge come una forza significativa del panorama politico italiano, e Togliatti per numerose volte serve come ministro senza portafoglio nei governi Badoglio e Bonomi, e come ministro della giustizia nei governi Parri e De Gasperi.

Ma alle elezioni del 1948 i comunisti vengono sconfitti e restano isolati. Tra 1947 e 1955, negli anni più duri della Guerra Fredda, il 'gradualismo' di Togliatti, l'idea di partiti comunisti 'indipendenti' dall'Urss e della partecipazione democratica, non tolgono dall'angolo il Pci.

Nonostante tutto, nel '56 Togliatti proseguirà nella idea di un incontro tra grandi masse popolari e governo (socialista) della nazione, una visione che troverà la sua espressione nel compromesso storico degli anni settanta. L'ultimo viaggio di Togliatti in Unione Sovietica risale al 1964.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here