11 Giugno 2022


Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

Toti: “Liguria fiore all’occhiello nella sanità grazie al Pnrr”

Toti: “Liguria fiore all’occhiello nella sanità grazie al Pnrr”

Il Dipartimento per gli Affari Regionali aveva chiesto a ciascuna Regione e Provincia autonoma di individuare un progetto di particolare rilevanza strategica per il proprio territorio da finanziare con i fondi del Pnrr. Si tratta di ventuno progetti dal valore complessivo di 9 miliardi di euro. Pochi giorni fa a Palazzo Chigi sono stati siglati i protocolli di intesa con sei Regioni per l’attuazione di questi progetti bandiera. Liguria, Piemonte, Friuli-Venezia-Giulia, Umbria, Basilicata e Puglia, infatti, sono state le prime regioni a presentare i propri progetti.

La Liguria di Toti sceglie la sanità

A Genova, nel territorio degli Erzelli, nascerà il primo Centro di medicina computazionale tecnologica in Italia. Il polo di ricerca bio-medica lavorerà per individuare terapie sempre più personalizzate ed efficaci. Dovrà anche dare impulso alla medicina robotica, nella sperimentazione e nel testing, sfruttando le partnership con i player industriali del settore. La cifra investita raggiungerà i 405 milioni di euro.

Il calcolo computazionale e le biotecnologie

Il progetto è finalizzato a trasferire i risultati della ricerca generati dall’impiego del calcolo computazionale ai modelli biologici e ai programmi di gestione delle tecnologie robotiche impiegate in ambito biomedico. L’hub nascituro cercherà di sviluppare degli algoritmi espressione di modelli biologici di patologie nelle aree dell’inflammasoma, della genomica delle malattie rare e anche delle neuroscienze.

L’importanza delle neuroscienze

Le neuroscienze possono avere un enorme impatto e innumerevoli applicazioni. Bastano due esempi per comprendere la portata innovativa del nuovo centro ligure.

Si potranno valutazione dei marcatori per identificare i pazienti dalla fase preclinica o allo stadio iniziale della malattia. In questo modo sarebbe possibile seguire meglio i pazienti autistici o con il morbo di Alzheimer, grazie all’impostazione di strategie individualizzate e preventive atte a migliorare le loro prognosi e qualità della vita. Inoltre, si potranno anche individuare nuovi bersagli cellulari e molecolari che favoriscano lo sviluppo di strumenti farmacologici innovativi.

La soddisfazione di Toti, presidente e assessore alla sanità

“Siamo profondamente orgogliosi di questo progetto”, ha affermato il presidente e assessore alla Sanità della Regione Liguria Giovanni Toti. “Il nostro Progetto Bandiera è l’unico che riguarda l’ambito sanitario e, più in generale, delle scienze della vita”. Secondo il fondatore di Italia al Centro, l’hub sarà “un fiore all’occhiello per l’intero Paese”. “Credo – ha concluso- che questo progetto sia davvero lo spirito del Pnrr aumentare capacità scientifica, di cura, didattica e anche il Pil dell’Italia”.