Trapianti, Roccella: Vergogna è non difendere donne da sfruttamento

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Trapianti, Roccella: Vergogna è non difendere donne da sfruttamento

04 Marzo 2015

“La senatrice De Petris sostiene che è vergognoso inserire nella legge sul traffico d’organi la questione eterologa. Quello che è vergognoso è che una donna, per di più di sinistra, non difenda altre donne, giovani e in condizioni di bisogno, dalle attuali forme di sfruttamento indotte dal nuovo libero mercato del corpo." Lo afferma Eugenia Roccella, parlamentare di Area Popolare e Vicepresidente della commissione Affari Sociali della Camera. "Non erano, i colleghi di Sel, contro ‘il liberismo sfrenato?’”, chiede la parlamentare, "e cosa c’è di peggio – conclude – che ridurre donne povere a vendere parti del proprio corpo, come in un romanzo di Dickens?"