Home News Trump e la cecità perbenista di un Occidente che ironizza sulle corna e non vede il dissolversi della democrazia

Dove va l'America

Trump e la cecità perbenista di un Occidente che ironizza sulle corna e non vede il dissolversi della democrazia

1
6719

Ho sempre amato gli Usa. Sarà perché da piccola ho frequentato una scuola americana, sarà perché mi piace il mito eroico dell’uomo normale – dal cowboy solitario di Alan Ladd al John Doe di Frank Capra -, mi piace la fiducia nelle possibilità di ciascuno di costruire il proprio destino, e soprattutto mi piaceva la democrazia americana, fondata su una costituzione che parla di felicità e libertà.

E’ per questo che assistere al declino americano, vedere come è ridotto oggi quel grande Paese mi fa tristezza e paura. Una democrazia malata, snaturata, irriconoscibile, che non ha più orgoglio né consapevolezza di sé. Un sistema di rappresentanza clamorosamente permeabile a confusioni e pasticci elettorali (ma quale forza politica, in Italia, si fiderebbe del voto postale? Chi lo accetterebbe, chi se ne sentirebbe sufficientemente garantito? Chi non darebbe per scontata la possibilità di brogli?), condizionato in modo pesantissimo dai padroni del web, che contano ormai più dei vecchi “poteri forti” economici e finanziari.

Una democrazia in cui le campagne elettorali le fanno i flussi abnormi di denaro e le disfano Twitter, Facebook, Google e simili, che si permettono di cancellare, chiudere, far sparire informazioni e voci quando e come preferiscono, senza dover spiegare nulla a nessuno, censurando anche il presidente degli Stati Uniti.

Un Paese in cui un presidente regolarmente eletto ha potuto contare sulla ostilità omogenea e sfacciata di tutti i media (tutti, non esclusi quelli di area repubblicana), e per farsi ascoltare, per raggiungere i suoi elettori, ha dovuto alzare i toni, inventarsi formule di immediato impatto comunicativo.

Un Paese ormai preda di minoranze violente che non rivendicano diritti per sé ma mirano a distruggere la storia, la cultura e l’identità di un popolo, a calpestare una libertà di espressione che era il vanto della democrazia americana.

In queste ore sul web è in atto una vera e propria pulizia etnica, non nei confronti dei trumpisti, ma di qualunque opinione dissenziente. Il livello di repressione e controllo, negli Usa campioni di libertà, non è molto dissimile, ormai, da quello in vigore in Cina, sia pure con metodi diversi.

Dalla periferia dell’ex impero noi osserviamo e commentiamo gli eccessi trumpiani con perbenismo scandalizzato, senza renderci conto che giudichiamo spesso da disinformati, perché vittime di un sistema mediatico imbarazzante per la sua cieca parzialità. Poco o nulla sappiamo di che cos’è oggi davvero l’american way of life, di come si entra, come si studia e si vive in una università negli Usa, di come agisce sul lavoro e nelle imprese il controllo sulla libertà di opinione, attraverso la minaccia di cause e licenziamenti.

Trump ha vinto le elezioni precedenti solo perché nessuno se lo aspettava, perché il sistema non si era organizzato, non aveva preso reali contromisure, non potendo davvero credere che la finanziatissima e appoggiatissima signora Clinton potesse perdere. Trump è stato l’unico a sapere davvero sparigliare, a muoversi fuori dallo stretto spazio ormai lasciato ai politici, repubblicani o democratici che siano, perché era ed è un outsider, ed è stato votato come tale.

La distanza più profonda, incolmabile e ormai visibile a tutti, oggi non è tra democratici e repubblicani, ma tra élite e popolo, anche se, bisogna dirlo, le élite democratiche sono più ciniche e sprezzanti.

Trump, come ha scritto anche Michel Houellebecq, è stato un grande presidente, l’unico che ha provato davvero a far tornare l’America quella che era, a farla “great again”, dimostrando un coraggio da leone. La storia forse si incaricherà di certificare il ruolo fondamentale e innovativo della sua presidenza, ma la mia paura è che mentre noi ironizziamo sui trumpisti con le corna in testa, le democrazie occidentali restino un guscio fragile, sempre più vuoto.

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Il Mito Eroico dell’Uomo Normale Ronald Reagan non è certo il Mito Eroico dell’Uomo Normale Donald Trump.
    Stesso Partito, Decenni diversi ma (sempre che le biografie di wikipedia siano veritiere) il primo, Governatore di uno Stato non da poco (la California) dei 50 Stati Usa, prima di candidarsi alla Casa Bianca, l’altro da Tycoon NewYorkese a Presidente senza passare da alcuna Responsabilità Istituzionale intermedia.
    Magari in Italia avessimo potuto vantare, dal 1979 in poi (cioè da quando esistono sia le Assemblee Legislative Regionali che il Parlamento Europeo, oltre a Camera e Senato), Presidenti del Consiglio diventati tali dopo aver ben governato le Regioni in cui han cominciato a far Politica !!!
    Ne avrebbe giovato (in sé e per sé) tanto l’Esercizio del Potere Legislativo che l’Esercizio del Potere Esecutivo, e probabilmente la Separazione dei Poteri sarebbe stata anche individualmente attuate ed esaltata !!!
    Ma si sa: Chi troppo ed Immediatamente Vuole, Nulla stringe, a qualsivoglia Longitudine e Latitudine geografica ed in qualsivoglia Tempo !!!
    E se il problema fosse, invece, passare da un Bicameralismo Perfetto (quello Italico tanto quanto quello Americano) ad un Multi Cameralismo Più Che Perfetto che esalti l’Umiltà Intellettuale e la Volontà di sottomettere la Ragione alle più Propedeutiche Esperienze Istituzionali “Bottom-Up” dei/lle rispettivi/e Protagonisti/e Politici/che ???
    Ahh … Sperarlo, Sperarlo !!!

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here