Turchia. La stampa rivela piano per golpe militare contro il governo

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Turchia. La stampa rivela piano per golpe militare contro il governo

21 Gennaio 2010

La stampa filogovernativa turca ha rivelato oggi l’ennesimo asserito piano dei militari per compiere un colpo di Stato nel Paese tra il 2002 e il 2003. A parlarne per primo è il quotidiano filogovernativo "Taraf" secondo il quale il piano aveva lo scopo di creare il caos nel Paese con atti di violenza e terrorismo.

Stando al giornale, il piano (denominato in codice "Balyoz", ovvero martello) prevedeva che i militari facessero esplodere bombe nelle moschee, attaccassero con ordigni incendiari i musei e facessero cadere un aereo di linea turco facendo sembrare che fosse stato abbattuto da un caccia militare greco. Scopo finale del piano, sempre secondo "Taraf", era quello di fare pressione sul Partito di radici islamiche Giustizia e Sviluppo (Akp) del premier Tayyip Erdogan da pochi mesi al potere e screditarlo dimostrando che non era in grado di proteggere la popolazione.

Stando a quanto ha scritto invece il quotidiano Milliyet, invece, il piano per l’asserito colpo di stato sarebbe stato tracciato dal generale dell’esercito Cetin Dogan, oggi in pensione, il quale ha però respinto al mittente le accuse asserendo che si trattava di un piano preparato per una esercitazione militare presentato ad un seminario per militari.

Dal canto loro, anche molti media indipendenti sono propensi a ritenere che pure questo nuovo asserito piano golpista sia una bufala ideata da ambienti filogovernativi per creare maggiore simpatia popolare nei confronti dell’esecutivo di Erdogan.