Ue più severa con chi usa manodopera clandestina

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Ue più severa con chi usa manodopera clandestina

23 Maggio 2007

Tempi difficili per chi assume extracomunitari immigrati illegalmente.
Infatti, l’esecutivo di Bruxelles propone un piano strategico che prevede sanzioni
severe per coloro che assumono illegalmente. L’iniziativa europea è volta a regolare
il fenomeno migratorio, sfruttando i vantaggi dell’immigrazione legale, e colpendo l’immigrazione illegale e la tratta degli esseri umani.
Uno degli
obiettivi principali della direttiva consiste nel far fronte al meccanismo di
richiamo che l’economia sommersa possiede per i cittadini in cerca del sogno
europeo, ma senza permesso di soggiorno. Gli strumenti che la Commissione utilizzerà
sono tesi a rafforzare le norme giuridiche dell’Ue attraverso sanzioni che
prevedono una gamma articolata di multe per le imprese che occupano clandestini
fino al carcere per i datori di lavoro. Il pacchetto di proposte inserite nella
direttiva come spiega il commissario incaricato della giustizia, libertà e
sicurezza Frattini ha lo scopo di “evitare che ci siano zone franche di
tolleranza allo sfruttamento di esseri umani ridotti alla condizione di
schiavitù”.