Ue. PPE accoglie il Pdl “a larga maggioranza” e con due astensioni

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Ue. PPE accoglie il Pdl “a larga maggioranza” e con due astensioni

12 Giugno 2009

"Abbiamo votato a larga maggioranza per l’ingresso della Pdl nel Ppe, in quanto partito successore di Forza Italia. La decisione sarà ratificata dai leader popolari nel vertice di giovedì". Ad affermarlo è stato il segretario generale del Ppe, Antonio Lopez Isturiz.

"È stata seguita una procedura analoga a quella usata per l’ingresso nel Ppe dell’Ump francese che sostituì l’Rpr", ha ricordato Isturiz, sottolineando come "un paio di partiti hanno votato contro, tra la cui la Csu bavarese. Ma non per motivi politici o di contenuti – ha precisato – ma per ragioni procedurali, per un ritardo nell’invio della documentazione relativa all’ingresso del Pdl".

Sulla polemica creata da Rocco Buttiglione, presidente dell’Udc, che aveva diffuso la notizia che "il gruppo non ha approvato la procedura d’urgenza per l’ingresso del Pdl nel Partito popolare europeo, rinviando la decisione alla prossima settimana in occasione del summit Ue dei Capi di Stato e di governo", il segretario generale del Ppe ha sottolineato che solamente il segretario generale è titolato a a parlare nel partito. "Buttiglione – ha aggiunto il segretario generale del Ppe – si è astenuto, e sinceramente non ho capito perché". "Comunque – ha concluso Isturiz – gran parte degli esponenti dei partiti popolari ha sostenuto l’ingresso del Pdl nel Ppe. Ed è necessario che ciò avvenga il prima possibile, perché abbiamo appuntamenti importanti, primi fra tutti la nomina del presidente del Parlamento europeo e della Commission Ue".

Grande soddisfazione è stata espressa in una nota dal vicepresidente del Parlamento europeo, Mario Mauro secondo cui "sancisce l’ingresso del Popolo della Libertà nel Ppe".

Per Antonio Tajani, vice presidente della commissione Ue e del Ppe, "è la conferma del riconoscimento già ricevuto dal Pdl da parte del Ppe in occasione del congresso svoltosi a Roma". "Questa scelta – ha aggiunto Tajani – rafforza la posizione politica del Ppe all’interno del Parlamento europeo anche in vista di impegni importanti come l’elezione del presidente della prossima Commissione europea".

Inoltre, in tal modo, secondo il vice presidente della Commissione Ue, "il Pdl continuerà a essere protagonista all’interno del Ppe così come era stato Forza Italia". L’adesione al Ppe del Pdl dovrà ora essere esaminata e discussa in occasione del vertice dei leader europei aderenti al Partito popolare europeo che si svolgerà prima del Consiglio Ue del 18 e 19 giugno prossimi.