Home News Una risposta alla lettera di Giovanni Schiavin

Una risposta alla lettera di Giovanni Schiavin

0
11

Avevo promesso una risposta alla lettera di Giovanni Schiavin in cui si affrontava il problema della cultura del centro destra e in generale del mondo conservatore. Colpevolmente non ho ancora avuto modo di scriverla. Mi è venuto però in soccorso un altro affezionato lettore, Davide Bertotti con molti spunti interessanti e assolutamente condivisibili.

Ecco la lettera e fatemi sapere cosa me pensate....


Carissimo Direttore,

la lettera di Giovanni Schiavin è davvero di estremo interesse. Non è un caso che Paolo Gazzola (mio speciale "padre putativo", imprenditore e grande cliente di Rubbettino e Liberilibri) l'abbia subito inviata a me e a Davide D'Alessandro. Stiamo ormai costituendo un trio che ha una gran voglia di occuparsi di editoria per gli stessi fini esplicitati da Schiavin (aggiungendo in particolare tutta la tradizione rosminiana e sturziana del cattolicesimo liberale).

Ormai è del tutto chiaro: il monopolio culturale della sinistra è morto ma non ancora (ahinoi) sepolto. Questi anni devono servire ad affossarlo per sempre con tutti i disastri che ha significato per quei milioni di sventurati che hanno dovuto subirlo in qualunque settore delle attività umane. Memori di altre gravissime sciagure intercorse negli ultimi sette secoli di storia d'Occidente, non vogliamo resuscitare alcuno spirito "umanistico", Dio ce ne liberi! Come lei sa, amo troppo i mille anni del Medioevo per non cosiderarlo, a differenza di troppi, il fondamento sempre vivo e vitale della nostra civiltà e senza il quale non si potrà ricostruire un bel nulla, inclusi noi stessi.

Come ormai dal suo debutto, continueremo a seguirla con assiduità

totale: qualche idea potrà forse cominciare a realizzarsi fra non molto.

Sempre con grande stima,

 

Davide Bertotti



  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here