Unità del Pdl. Berlusconi: “Incrinarla sarebbe un errore imperdonabile”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Unità del Pdl. Berlusconi: “Incrinarla sarebbe un errore imperdonabile”

23 Giugno 2010

Incrinare l’unità del Pdl intorno al leader scelto dal suo popolo "sarebbe un errore imperdonabile, è una prospettiva a cui mi opporrò con tutte le forze sicuro di interpretare la volontà della nostra gente. Anche la tua, caro Nino". A dirlo è stato il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, sul sito ‘ForzaSilvio.it’, che ha risposto ad un commento di un sostenitore.

"Mio caro – commenta il premier – il nostro non è un partito. È un grande movimento di popolo in cui siamo tutti orgogliosi di riconoscerci, e io per primo. Il Popolo della Libertà invece è un movimento che si rivolge a tutti. Siamo diversi dai vecchi partiti dominati dalla nomenklatura. In primo luogo perchè è nato dal basso per volontà della nostra gente il 2 dicembre 2006 quando portammo in piazza San Giovanni 2 milioni di italiani contro il governo di Prodi e della sinistra ed unimmo per la prima volta le bandiere di Forza Italia e di Alleanza Nazionale in difesa della libertà contro l’oppressione fiscale, contro l’oppressione burocratica, contro l’oppressione giudiziaria". "E proprio questa unità – conclude Berlusconi – ha dato al nostro Governo la forza di fare nel modo più efficace la crisi economica e porre l’Italia al riparo della speculazione con scelte che sono sagge e lungimiranti".