Home News Università. Papa: “Garantire indipendenza da interessi economici e politici”

Università. Papa: “Garantire indipendenza da interessi economici e politici”

0
13

La riforma universitaria deve garantire la libertà di insegnamento, della ricerca, e l'indipendenza da ''poteri economici e politici'': lo ha detto il Papa ricevendo in Vaticano gli studenti di Parma.

Il Santo Padre ha poi precisato: l'università non deve ''perseguire interessi privati approfittando di risorse pubbliche''.

Il Papa invita studenti e docenti a fare un esame di coscienza di fronte alla riforma dell'università voluta dal governo Berlusconi. "Spesso oggi, anche in Italia, si parla di riforma universitaria", ha detto Benedetto XVI . "Penso che, fatte le debite proporzioni, rimanga sempre valido questo insegnamento: le modifiche strutturali e tecniche sono effettivamente efficaci se accompagnate da un serio esame di
coscienza da parte dei responsabili a tutti i livelli, ma più in generale di ciascun docente, di ogni studente, di ogni impiegato tecnico e amministrativo".

 "Se si vuole che un ambiente umano migliori in qualità ed efficienza - ha detto Ratzinger - occorre prima di tutto che ciascuno cominci col riformare se stesso, correggendo ciò che può nuocere al bene comune o in qualche modo ostacolarlo".

L'università italiana deve rimanere libera dai "poteri economici e politici": è la raccomandazione del Papa. "Il fine dell'opera riformatrice di san Pier Damiani e degli altri suoi contemporanei era far sì che la Chiesa diventasse più libera, prima di tutto sul piano spirituale, ma poi anche su quello storico", ha detto Benedetto XVI citando il "riformatore" della Chiesa.

"Analogamente - ha proseguito - la validità di una riforma dell`università non può che avere come riscontro la sua libertà: libertà di insegnamento, libertà di ricerca, libertà dell'istituzione accademica nei confronti dei poteri economici e politici".

 "Questo - ha proseguito - non significa isolamento dell'Università dalla società, né autoreferenzialità, né tanto meno perseguimento di interessi privati approfittando di risorse pubbliche. Non è di certo questa la libertà cristiana!".

 

 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here