Uranio. Indennizzo a genitori Salvatore Vacca, deceduto dopo missione in Bosnia

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Uranio. Indennizzo a genitori Salvatore Vacca, deceduto dopo missione in Bosnia

20 Gennaio 2010

Il Tribunale Civile di Roma ha concesso un indennizzo di 650mila euro ai genitori di Salvatore Vacca, di Nuxis (Carbonia-Iglesias), il caporalmaggiore del 151° Reggimento della Brigata Sassari morto a 23 anni nel settembre del 1999 per leucemia acuta, a 150 giorni dal rientro da una missione in Bosnia.

I giudici, come riferisce il quotidiano di Cagliari L’Unione Sarda, hanno fissato anche un rimborso di 140mila euro ad una sorella di Vacca e devono pronunciarsi sulle richieste di indennizzo di altri due fratelli. Nel maggio del 2008 la Cassazione aveva confermato l’ archiviazione della denuncia contro il Ministero della difesa presentata dai familiari presentata alla Procura di Cagliari, accettando la tesi del Gip che nel 2005 aveva escluso che ci fossero gli estremi per sostenere la responsabilità per "condotta colposa omissiva impropria" dei vertici dell’ Amministrazione militare.

I genitori del militare morto avevano un anno e mezzo fa avviato un’azione civile, col patrocinio dell’avv. Angelo Tartaglia e l’assistenza dell’Osservatorio Militare.