Usa 2008, Elton John: “Chi non vota Hillary è un sessista”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Usa 2008, Elton John: “Chi non vota Hillary è un sessista”

Usa 2008, Elton John: “Chi non vota Hillary è un sessista”

10 Aprile 2008

“Non c’è nessuno più qualificato per
guidare l’America. I love you Hillary, sto con te”: la
dichiarazione d’amore misto a endorsement è di Sir Elton John.

Si è svolto ieri, infatti, nella Radio City Music Hall di New York, il concerto “Elton-Hillary: One night only”
(Elton-Hillary: solo per una notte), organizzato per raccogliere
fondi (ben 2,5 milioni di dollari, 1,57 milioni di euro, come
previsto) a favore della campagna presidenziale della candidata
alla nomination democratica Hillary Clinton.

“I’m still standing” (sto ancora in piedi), ha replicato la
senatrice dello Stato di New York, che cerca di battere il rivale
Barack Obama, citando il famoso pezzo di Elton del 1983. E chi
non appoggia la candidata potenziale prima presidente donna degli
States è un “sessista”: “Sono sorpreso dagli atteggiamenti
misogeni di certa gente in questo paese e dico loro di andare al
diavolo”, ha attaccato la popstar britannica.

Con indosso un elegante abito nero con ricami colorati, Sir Elton
ha abbracciato l’ex First lady prima di lanciarsi nell’esibizione
di numerose hit, tra cui “Your Song” e “Benny and the Jets”. I
biglietti, andati secondo gli organizzatori a ruba, costavano tra
i 125 e i 2.300 dollari (78-1440 euro)