Usa. Media, domani Obama nomina Elena Kagan a Corte Suprema

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Usa. Media, domani Obama nomina Elena Kagan a Corte Suprema

09 Maggio 2010

Politico.com, uno dei siti più affidabili su cosa accade nei Palazzi che contano a Washington, non ha dubbi: già domani, lunedì, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama nominerà Elena Kagan alla Corte Suprema.

"Oggi la Casa Bianca dirà che non è stata assunta alcuna decisione – scrive Mike Allen, nel suo popolarissimo ‘Playbook’ – ma ormai siamo vicinissimi. A meno di improbabili cambi all’ultimo momento, domani il presidente annuncerà di aver scelto Elena Kagan come giudice della Corte Suprema".

Potrebbe essere la giudice più giovane della Corte – ha 50 anni – e la terza donna a farne parte, come non era mai accaduto nella storia del cosiddetto club dei nove. In più, con la sua nomina, alla Corte Suprema non ci sarebbero più giudici protestanti, solo ebrei e cattolici. Nata a New York da una famiglia ebrea, Kagan è considerata una democratica moderata. Laureatasi prima a Princeton (la stessa Università di Michelle Obama), poi ad Harvard (dove si è laureato Barack Obama), attualmente è Solicitor General, il magistrato che rappresenta il governo americano davanti alla Corte Suprema.

Il nuovo giudice dovrà sostituire alla Corte Suprema John Paul Stevens, che ha comunicato il suo ritiro per raggiunti limiti di età. Kagan vanta un curriculum di tutto rispetto, perchè è relativamente giovane e perchè è già stata scelta da Obama in materia di incarichi giudiziari di altissimo profilo. È stata infatti la prima donna ad aver ricoperto negli Usa l’incarico di Solicitor General. Obama la nominò il 26 gennaio 2009, a soli sei giorni dal suo insediamento alla Casa Bianca, e fu confermata nella carica dal Senato il 19 marzo, con 61 voti a favore e 31 contro.