Usa. Obama lancia programma di aiuti per la classe media

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Usa. Obama lancia programma di aiuti per la classe media

25 Gennaio 2010

Un programma di aiuti per la classe media messa sotto pressione dalla crisi economica. È quello che proporrà il presidente degli Stati Uniti Barack Obama al termine dell’incontro alla Casa Bianca con la Task Force on Middle Class Families, guidata dal vicepresidente Joe Biden. Alle 12 ore locali (le 18 in Italia) il presidente dovrebbe tenere un breve discorso.

Obama anticipa così uno dei temi caldi del discorso sullo Stato dell’Unione – l’intervento che il presidente pronuncia ogni anno davanti al Congresso in seduta congiunta, previsto per il 27 gennaio alle 21, le 3 di notte in Italia -, durante il quale parlerà anche di come creare posti di lavoro, fare fronte al massiccio deficit del Paese e portare cambiamento a Washington.

Ogni giorno "combattiamo per ridare un lavoro a ogni singolo americano, per creare posti di lavoro e rafforzare l’economia nel lungo periodo", si legge nelle anticipazioni dell’intervento, in cui Obama ha spiegato che "i passi ulteriori che presentiamo oggi si concentrato sulla classe media, per aiutare le famiglie in difficoltà per l’economia e dare loro il sostegno necessario per andare avanti".

In particolare, Obama propone di quasi raddoppiare (dal 20 al 35% delle spese) il Child and Dependent Care Tax Credit, il programma di crediti fiscali per la cura dei figli di genitori che guadagnano meno di 85.000 dollari all’anno (i crediti aumenterebbero, anche se a un passo meno sostenuto, anche per le famiglie che guadagnano meno di 115.000 dollari). Propone inoltre di aumentare di 1,6 miliardi di dollari i finanziamenti federali per i programmi destinati a bambini (il maggiore incremento annuale in vent’anni, andrebbe a coprire altri 235.000 bambini) e di fissare al 10% del reddito il tetto sugli interessi dei prestiti agli studenti.

Il pacchetto prevede inoltre che le società che non offrono piani previdenziali per i dipendenti diano la possibilità di accedere a un piano pensionistico privato. Propone infine che siano aumentati gli aiuti per le famiglie con un anziano a carico e che siano aumentate le garanzia e la trasparenza dei fondi pensionistici.