Usa: Senatori Repubblicani tradiscono Bush sull’Iraq

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Usa: Senatori Repubblicani tradiscono Bush sull’Iraq

06 Luglio 2007

Il Presidente Bush deve affrontare una “fronda” interna al suo partito sul tema della guerra in Iraq sempre più consistente, visto che anche il Senatore Pete Domenici (Repubblicano del New Mexico) ha deciso di abbandonare la nave.

Nel corso di una conferenza stampa, il Senatore (sei mandati) del Nuovo Messico si dichiarato propenso al ritiro dei soldati Usa dall’Iraq entro il marzo prossimo. Domenici ha ammesso di aver votato per la guerra a suo tempo “ e l’ho supportata in pieno, ma sono diventato via via sempre più scettico”. La fronda ha ricevuto una spinta quando il carismatico Senatore Repubblicano dell’Indiana Richard Lugar si è schierato anch’esso contro il conflitto iracheno, la scorsa settimana.

Gli esperti di politica americana credono che il numero dei Senatori/traditori andrà aumentando nelle prossime settimane. I Senatori George Voinovich dell’Ohio, Chuck Nagel del Nebraska e Gordon Smith (Oregon) hanno già dato forfait sull’argomento Iraq, altri ancora sono in procinto di farlo molto presto.