Home News Vallettopoli,Sircana: mi spiace ma non mi dimetto

Vallettopoli,Sircana: mi spiace ma non mi dimetto

0
2

"Mi dispiace. È stata la stupida deviazione di percorso di una sera d'estate. Ma perché dovrei dimettermi per questo?" Queste le dichiarazione di Silvio Sircana nel giorno in cui diversi quotidiani pubblicano le foto scaturite dall'inchiesta di Vallettopoli che lo riguardano.
Le immagini, secondo il portavoce di Romani Prodi, mostrano soltanto "una macchina che si accosta un istante a un presunto transessuale. Poi se ne va. Con a bordo soltanto chi la guida". Quindi, sostiene Sircana "non si crocifigge una persona per una sciocchezza del genere. Non si espone alla gogna mediatica un uomo, per una piccola e stupida deviazione di percorso, in una sera di mezza estate. Se quello che è successo dovesse essere oggetto di qualsiasi analisi di tipo processuale, anche presso il più spietato dei tribunali religiosi, verrebbe derubricato così: il fatto non sussiste. E invece, su un fatto che non esiste, si è montata purtroppo una panna ignobile. La mia famiglia - prosegue Sircana - è l'unica cui devo spiegare qualcosa. Abbiamo vissuto tutti uno shock. Mia moglie ha capito benissimo il poco che c'era da capire. Ma con i miei figli è diverso. Loro hanno sofferto. Hanno subito e sentito l'enorme pressione, anche psicologica, che arrivava dall'esterno. Non a scuola, devo dire. Ma a casa sì. Nella mia casa circolano da sempre i giornali. E a vedere il proprio cognome sparato in un certo modo sui giornali c'è ancora qualcuno che si impressiona. Soprattutto se quel qualcuno ha solo tredici anni".

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here