Viminale, Maroni: dalla manovra tagli rilevanti

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Viminale, Maroni: dalla manovra tagli rilevanti

20 Giugno 2008

"Ci troviamo di fronte ad una manovra finanziaria che riduce ancora le risorse al ministero dell’Interno, ma prendo l’impegno che nemmeno un centesimo sia sottratto al contrasto alla criminalità". Così il ministro dell’Interno, Roberto Maroni.

Parlando alla VII convenzione dell’associazione antiracket e antiusura, Maroni ha detto: "Spero comunque che il Parlamento tenga conto che il ministero dell’Interno, pur messo sullo stesso piano degli altri quanto alle riduzioni di risorse, possa godere di un trattamento più favorevole e che ci possano essere più fondi per il Viminale".

In ogni caso, ha aggiunto il ministro, "ci stiamo affrettando, abbiamo ancora cinque o sei mesi di tempo. La misura del taglio ai ministeri è giusta perchè il costo della pubblica amministrazione va ridotto, ma si dà ai singoli ministri la responsabilità di riorganizzare il ministero con meno risorse, il che significa renderlo più efficiente".

Infine, Maroni ha detto: "Per noi  è un taglio rilevante che però non ci spaventa, è una sfida che va raccolta: in cinque mesi riorganizzeremo l’attività del ministero, ci sarà un nuovo modello di organizzazione sul territorio".