Welfare, Ferrero: “Nell’Unione manca l’intesa”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Welfare, Ferrero: “Nell’Unione manca l’intesa”

16 Novembre 2007

“Allo stato ancora non c’è nessun accordo nella maggioranza”
è quanto commenta Paolo Ferrero, ministro della Solidarietà sociale, sulle modifiche
da apportare al ddl sul welfare.

“In particolare, mancano dei passi avanti sul tema decisivo
dei precari. Ma ci sarà una stretta della discussione entro martedì”, ha
aggiunto Ferrero. Il ministro, a margine di una conferenza stampa a palazzo
Chigi, ha inoltre sottolineato la necessità di stringere i tempi sullo Stato
sociale.

E ancora ha aggiunto: “Un quadro politico che preveda una
diversa maggioranza non esiste, noi non siamo disponibili a cambiare
maggioranza”. Questi tono con cui ha risposto a quanti gli anno chiesto un commento%0D
sulle dichiarazioni di ieri di Lamberto Dini. “L’idea di cambiare maggioranza
non esiste – ha spiegato – e comunque, anche se anche qualcuno ci pensasse, la
cosa non sarebbe possibile. Noi non ci stiamo a cambiare, e sostituirci ad
esempio con l’Udc, anche se fosse disponibile. Non è possibile visto che
mancherebbero i voti. Il governo dovrebbe avere anche i voti di Forza Italia ed
An, ma non mi sembra una cosa realistica”.

Il ministro di Rifondazione ha invitato ad una “discussione
all’interno della maggioranza visto che ci sono delle novità come il Pd e come
il fatto che Dini dica di non voler far parte del Partito democratico. Un
discorso va fatto ma entro confini della maggioranza.” E ha concluso: “Altre
cose io non le vedo”.