Home News Wikileaks. Bank of America blocca bonifici, il sito insorge

Wikileaks. Bank of America blocca bonifici, il sito insorge

1
3

Anche Bank of America "stacca la spina", bloccando i bonifici a Wikileaks, e lo staff del sito invita i sostenitori a ritirare i soldi eventualmente depositati presso l'istituto.

"Bank of America si unisce alle azioni annunciate da MasterCard, PayPal, Visa Europa e altri, e non eseguirà qualsiasi transazione diretta a Wikileaks", si legge in un comunicato della banca pubblicato dal Kansas City Star: "Le attività di Wikileaks sono in contraddizione con le nostre politiche".

Immediata la replica del sito, che via Twitter ha invitato "tutti coloro che amano la libertà a chiudere i propri conti in Bank of America". "Fate affari con Bank of America? Il nostro consiglio è quello di mettere i vostri fondi in un luogo più sicuro", ammonisce ancora Wikileaks via Twitter.

L'istituto americano potrebbe essere tra i prossimi bersagli di Assange: "Ho i file riservati di una grande banca americana, li pubblico all'inizio dell'anno", ha detto l'australiano qualche settimana fa a Forbes. Lo scorso anno, sempre Assange aveva affermato in un'altra intervista di essere in possesso di un hard disc di un manager di Bank of America. La Banca ha già smentito, precisando di non avere "alcuna prova" che Wikileaks sia in possesso dell'hard disc in questione.

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Pecore riottose a farsi mangiare
    Assange vuole la trasparenza totale. Pubblicare il pubblicabile, a qualunque costo e senza guardare le ragioni di chicchessia, fossero anche indispensabili per il Bene Comune (come il segreto istruttorio, segreto naturalmente imprescindibile se si vogliono arrestare mafiosi e delinquenti) o la stessa sopravvivenza di una Nazione e del suo Stato di Diritto (quest’ultimo fondamentale anche agli adoratori di Assange, in quanto permette loro l’adorazione medesima senza finire in gattabuia). Lui, però, TOH… ricorre a massicce dosi di segretezza come arma per conservare e rendere operativa la sua organizzazione. Quando il segreto serve al Gran Furbino allora va bene…Il Furbacchione! Sostanzialmente quindi è un pavido e vigliacco buffone, idolo degli ingenui/coglionazzi di cui si serve per avere fama e soldi (non possedendo di suo alcun talento per avere la prima nè voglia di trovarsi un lavoro per avere i secondi). In più, pretende anche che le pecore si facciano mangiare di buon grado dal Lupo, senza protestare nè mettere in atto misure difensive. Che faccia di tolla!

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here