Ancora un brevetto di grafene per Directa Plus

Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

Ancora un brevetto di grafene per Directa Plus

Ancora un brevetto di grafene per Directa Plus

24 Giugno 2022

C’è una parte di Italia di cui si parla poco, troppo poco. È quella fatta da chi cresce e innova, chi fa ricerca e cambia il mondo. Directa Plus, fondata nel 2005 a Como, rientra in questo mondo che non si arrende al declino, anzi continua a macinare successi.

Chi è Directa Plus

Directa Plus è leader a livello internazionale nella produzione e nella fornitura di prodotti a base di grafene nei mercati B2B e B2C. Si parla di prodotti naturali, chemical-free, realizzati in modo sostenibile per applicazioni commerciali in diversi settori. Si parla di smart textile, elastomeri, materiali compositi e soluzioni ambientali.

Il portafoglio di proprietà intellettuale dell’innovativa azienda è impressionante. Comprende venti famiglie di brevetti, con 73 brevetti concessi e 28 brevetti in attesa di concessione. Non proprio pinzillacchere.

L’ultimo brevetto sul grafene

Ieri l’azienda ha ottenuto un nuovo brevetto, il 73°, sull’uso delle nanopiastrine di grafene G+ nel settore della filtrazione. È un mercato con applicazioni sia industriali che mediche che sta registrando una notevole crescita.

“Directa Plus – si legge nel comunicato – ha già sfruttato queste proprietà del grafene con il lancio, in risposta alla pandemia, di una mascherina riutilizzabile ad alto potere filtrante”.

Le soluzioni a base di G+ sono già in commercio anche in comparti come la moda e l’abbigliamento sportivo. È nota, infatti, la linea di abbigliamento sportivo “Cosmic Collection”, tecnologicamente all’avanguardia, è stata lanciata da Directa Plus nel 2021.

Le parole del CEO, Giulio Cesareo

“La concessione di un brevetto per un nuovo mercato verticale dimostra la velocità con cui possiamo entrare in mercati esistenti ad alto potenziale per fornire nuovi prodotti innovativi”, ha dichiarato il fondatore e CEO Giulio Cesareo. “I mercati internazionali della filtrazione sono ampi e crediamo che ci sarà una domanda significativa di prodotti antimicrobici di comprovata efficacia, che intendiamo lanciare rapidamente con i nostri partner industriali.”