Biotech, cresce l’Italia che guarda al futuro

Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

Biotech, cresce l’Italia che guarda al futuro

Biotech, cresce l’Italia che guarda al futuro

02 Maggio 2022

Per la serie “buone notizie che non immaginavi”: il biotech si espande e cresce almeno tanto quanto innova. È questo il quadro che emerge dall’ultimo rapporto Assobiotec-Federchimica ed Enea, che offre un quadro degli ultimi due anni in cui la pandemia non ha fiaccato il settore.

I numeri della crescita

Nel 2021 il biotech ha coinvolto quasi 800 imprese, per l’82% piccole e micro, e grazie agli oltre 10 miliardi di fatturato, ha registrato un aumento del 30%. Va sottolineato che circa il 75% del fatturato totale è prodotto dal settore salute e circa il 17% da industria e ambiente.

L’ambito della salute umana è quello che interessa la quota maggioritaria del numero totale di imprese biotecnologiche italiane, si parla del 48,5%. Tuttavia, tra il 2014 e il 2021 è cresciuta del 29% la quota delle imprese che hanno come applicazione prevalente le biotecnologie industriali e del 34,5% quelle per agricoltura e zootecnia.

Dove cresce il biotech

Dal rapporto “Le imprese di biotecnologia in Italia. Facts&Figures 2022“, la Lombardia emerge come regione leader in termini di numero di imprese, 27% del totale, e di fatturato, 51% del totale. È rilevante sottolineare che insieme a Lazio, Toscana, Piemonte sfiora il 90% del fatturato totale. Non a caso, gli investimento in ricerca e sviluppo in queste regioni sono il’85%. Per quanto riguarda le biotecnologie industriali, il nord concentra praticamente la totalità del fatturato, visto che si parla del 97%. Lazio e Toscana, invece, sono all’avanguardia nell’ambito sanitario.

Arrivano dati incoraggianti, pur non cospicui, anche dal sud, in termini di numero di aziende attive nelle biotecnologie e per gli investimenti in R&S nelle biotecnologie industriali, oltre che in quelle per agricoltura e zootecnia.

Il ruolo del PNRR

“Il Paese, con il PNRR ha una straordinaria occasione per ripartire e non può permettersi adesso di sbagliare”. Elena Sgaravatti, vice Presidente Assobiotec-Federchimica, è esplicita sulle energie che può liberare il Piano nazionale di ripresa e resilienza. “Scegliere di avviare riforme e investire le risorse del Next Generation Eu sull’innovazione significa traghettare il Paese verso un futuro migliore e il biotech è certamente una tecnologia che, in questa prospettiva, non può essere trascurata”. In effetti, è sotto gli occhi di tutti come il biotech sia stato il settore che più ci ha aiutato a combattere e uscire dalla pandemia. Per fortuna c’è ancora un’Italia che vuole innovare e crescere.