Ecco come il Porto di Amburgo importerà idrogeno

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Ecco come il Porto di Amburgo importerà idrogeno

Ecco come il Porto di Amburgo importerà idrogeno

21 Novembre 2022

Air Products e Mabanaft hanno comunicato di voler costruire nel porto di Amburgo il primo terminal per l’importazione di energia verde, in particolare di idrogeno, su larga scala. Nel progetto c’è lo zampino di Robert Habeck, ministro dell’Economia e della protezione climatica, presente alla cerimonia di annuncio.

Tale decisione è conseguente al memorandum d’intesa che Air Products e l’Autorità portuale di Amburgo avevano siglato lo scorso febbraio. Il terminal innovativo sarà ospitato nell’attuale struttura Mabanaft nel porto tedesco.

Entro il 2026, così, la Germania potrà essere rifornita di idrogeno. Ad Amburgo, infatti, si trasformerà l’ammoniaca in idrogeno green attraverso le strutture di Air Products ad Amburgo, prima di distribuire l’energia ottenuta in tutta la Germania settentrionale. Questa tecnica è stata messa a punto dai ricercatori della Northwestern University nel 2020 e ora fa parte del mercato dell’energia green. L’ennesima prova che la transizione ecologica si fa con investimenti in ricerca e innovazione, non con tasse e decrescita.