Fast forward: con il PNRR nel 2024 un mercato digitale da 95 miliardi

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Fast forward: con il PNRR nel 2024 un mercato digitale da 95 miliardi

Fast forward: con il PNRR nel 2024 un mercato digitale da 95 miliardi

12 Aprile 2022

Nonostante lo smart working, le interminabili call su zoom e le richieste più improbabili a Siri, nel 2020 il mercato digitale in Italia è calato dello 0,6%, per circa 71,5 miliardi. A crescere i Digital Enablers, dalle tecnologie cloud alla sicurezza digitale, mentre ha ristagnato la componente più tradizionale del mercato. Anche per il digitale le prospettive di crescita sono legate alla attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza, con 50 miliardi di euro di investimenti previsti per il 2026. Nello scenario migliore, la previsione di crescita del mercato digitale è di 95 miliardi per il 2024.
Le imprese che faranno da traino sono quelle collocate nel Mobile Business, in particolare si parla di tecnologie IoT e Cloud. Le aziende insomma scommettono sulla trasformazione digitale, come investimento strategico. Un forte impulso allo sviluppo del settore verrà anche dal piano Transizione 4.0 insieme alla Manovra 2021: 24 miliardi da aggiungere alle risorse del Recovery Plan. Tra gli ambiti più interessati dalla accelerazione degli investimenti in ICT, il sistema sanitario e poi P.A., scuola, sanità, banche, assicurazioni e utilities.

Nel 2021, oltre il 60,3% delle Pmi italiane ha raggiunto un livello base di processi legati alla digitalizzazione, rispetto al 56% della media Ue. Le nostre imprese sono al decimo posto in Europa prima delle pmi tedesche e francesi. Il target europeo verso il 2030 è del 90%. Gli indicatori del Digital Economy Society Index per le PMI che vendono online migliorano ma con più lentezza. Aumenta anche il numero di imprese che usano almeno due social media (da 22% a 27%).