Il Politecnico di Torino driver dell’innovazione grazie al Pnrr

24 Giugno 2022


Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

Il Politecnico di Torino driver dell’innovazione grazie al Pnrr

Il Politecnico di Torino driver dell’innovazione grazie al Pnrr

Le università possono essere il motore dell’innovazione, l’ultimo caso è quello dell’ecosistema “Nodes – Nord-Ovest digitale e sostenibile”. Il Politecnico di Torino, infatti, ha ricevuto un finanziamento di 110 milioni di euro dal Ministero dell’Università e della ricerca nell’ambito del Pnrr. Il progetto si svilupperà in tre anni e costituirà uno degli undici Ecosistemi dell’Innovazione, di cui si parla nel Piano nazionale di ripresa e resilienza, che hanno come obiettivo la crescita dei territori.

“È un ecosistema che si preoccupa di favorire l’innovazione giocando sulle forze dei vari distretti territoriali e che nasce per continuare. Siamo fortemente motivati per creare qualcosa di stabile che possa ispirare altri territori”, ha affermato il rettore del Politecnico di Torino, Guido Saracco.

Saranno ventiquattro i partner pubblici e privati di Nodes, dei quali ben otto atenei inclusi l’Università di Torino e l’Università del Piemonte. Presenti poi centri di ricerca, incubatori, acceleratori e competence center. Il ruolo degli atenei è centrale anche perché saranno i soggetti attuatori che creeranno il consorzio.

Gli obiettivi di Nodes, guidati dal Politecnico di Torino

Verranno portati avanti diversi progetti di ricerca, lungo le direttrici delle transizioni ecologica e digitale. Il Politecnico, in particolare, avrà la leadership per quanto concerne la mobilità sostenibile, tema industriale centrale a causa del Fit For 55.

Il finanziamento di 110 milioni di euro sarà distribuito su Piemonte, Valle D’Aosta e le province più a ovest della Lombardia, quindi Varese, Como e Pavia. Tra questi fondi, 54 milioni saranno allocati per bandi a cascata aperti anche alle imprese. Le filiere che si creeranno sono legate a industria 4.0 nell’ambito di mobilità sostenibile e aerospazio, ma anche alla sostenibilità industriale e alle tecnologie green. Inoltre, saranno interessate al progetto l’industria della salute, la silver economy e l’agroindustria.

L’obiettivo è chiaro: valorizzare il territorio guidati dall’università, coinvolgendo le imprese e stimolando la nascita di start up. Mica male, l’Italia del Pnrr.