Rebus Mes, Metsola: ‘ha bisogno di essere ratificato da tutti’

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600


Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Rebus Mes, Metsola: ‘ha bisogno di essere ratificato da tutti’

Rebus Mes, Metsola: ‘ha bisogno di essere ratificato da tutti’

23 Giugno 2023

Il Mes è “un meccanismo che ha bisogno di essere ratificato da tutti i Paesi”. Lo dice la presidente dell’Eurocamera Roberta Metsola al forum ANSA di Roma. Sul Pnrr, Metsola ha sottolineato che si tratta di “un programma che va aiutare tutte le imprese e tutti cittadini d’Europa, inclusi quelli italiani”. Nella giornata di ieri, la Commissione esteri ha fatto passare il testo base di proposta di ratifica del Mes con i voti del Pd e di Italia Viva. Il Movimento 5 Stelle si è astenuto. Lega Forza Italia e Fratelli d’Italia, i partiti di maggioranza, non hanno partecipato al voto in Commissione.

Rebus Mes

Una mossa, quest’ultima, letta da più parti come l’occasione per rinviare a luglio la discussione sulla ratifica del trattato in aula prevista per fine giugno. Nel pomeriggio di ieri, il presidente Meloni ha annullato il consiglio dei ministri previsto. Sembra un bel rebus. Centrodestra e opposizione, e all’interno dei singoli partiti, appaiono divisi sulla ratifica. “Del Mes si parla da diversi anni. Perché sotto i governi precedenti, quello di Conte prima e di Draghi poi, non è stato ratificato se era così importante ? La notizia è che ieri in commissione esteri si è divisa l’opposizione, con due testi rispettivamente a firma PD e Idv. È stato votato quello del PD, a cui si è sottratto il M5S. Il 30 giugno è data indicativa per iniziare discussione generale”, ha dichiarato Tommaso Foti, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera in diretta su LA7.

L’opinione di Fedriga

“Penso sia stato corretto trasmettere una comunicazione dal punto di vista tecnico dal governo alla commissione Bilancio. Adesso è il momento della valutazione politica, che sarà il Parlamento a fare. Ci saranno altri approfondimenti. Spero che la valutazione, in un senso o nell’altro, venga fatta scevra di connotazioni ideologiche”, ha detto Massimiliano Fedriga, governatore del Friuli-Venezia Giulia e presidente della Conferenza delle Regioni, intervistato dalla Stampa. “In Italia – osserva – stiamo ideologizzando qualsiasi cosa, l’abbiamo fatto persino con la pandemia. Non possiamo considerare il merito, su basi oggettive? Io alcune scelte europee le ho condivise moltissimo, su altre sono dubbioso”.

Duro giudizio di Monti

Duro il giudizio dell’ex premier Monti dalle colonne del Corsera: ”Il dibattito sulla ratifica del Mes è ormai stucchevole”. ”E’ ora di uscire da questo indegno spettacolo che mortifica l’intelligenza degli italiani ed è manna per chi in Europa ama dileggiare l’Italia e il bizantinismo della sua politica. Si adotti una linea pragmatica, si lasci a ciascuno la possibilità di tenersi le proprie convinzioni…”. In ”ogni caso la salvezza o la dannazione, per chi ci crede, potrà dipendere dall’uso che eventualmente il governo italiano potrebbe fare, in futuro, degli strumenti previsti dal Mes, non dalla ratifica in sé”.