Verso un nuovo record negativo delle nascite nel 2023

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Verso un nuovo record negativo delle nascite nel 2023

Verso un nuovo record negativo delle nascite nel 2023

22 Agosto 2023

“Dal 1 gennaio 2014 al 31 maggio 2023 la popolazione italiana ha perso 1 milione e 561 mila residenti, cioè la somma della popolazione di Milano più Brescia,” lo dicel’ex presidente dell’Istat Gian Carlo Blangiardo intervenendo al Meeting di Rimini. “La differenza nati-morti è sempre stata decisamente negativa, anche prima del Covid, e il saldo migratorio non è più riuscito a compensare questa differenza. Il vero colpevole di queste dinamiche è proprio la caduta della natalità”.

In un intervento in cui ha descritto l’andamento delle nascite in Italia dall’Unità nazionale ad oggi, Blangiardo ha sottolineato “il crollo drastico dal 2008 fino a 393mila nati nel 2022. Sono 9 anni che ogni anno facciamo il record della più bassa natalità di sempre nella storia del nostro Paese. I primi 5 mesi del 2023 sono ancora più bassi, la variazione è circa 1,5%, rispetto agli stessi mesi dell’anno precedente: quindi il record del 2022, 393mila nuovi nati, siamo destinati a migliorarlo al ribasso”.

“Nel 1943, primo trimestre, 243mila nati, in guerra. Nel 2023, primo trimestre, 91mila nati, in pace. Certo le difficoltà ci sono, ma immaginate le difficoltà che c’erano nel 1943”, ha detto Blangiardo.