Via il reddito di cittadinanza, il Centrodestra mantenga le promesse

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600


Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Via il reddito di cittadinanza, il Centrodestra mantenga le promesse

Via il reddito di cittadinanza, il Centrodestra mantenga le promesse

01 Novembre 2022

Il reddito di cittadinanza non bisogna congelarlo. Bisogna eliminarlo. Appena sarà possibile. Questa è stata una delle promesse del Centrodestra nel suo programma di coalizione alle elezioni del 25 settembre. Il centrodestra ha proposto la “sostituzione del reddito di cittadinanza con misure più efficaci”. Fratelli d’Italia, il partito che oggi esprime il presidente del Consiglio Meloni, ne ha chiesto in più occasioni la definitiva abolizione.

In Italia ci sono circa 660 mila percettori del rdc che hanno rifiutato una offerta di lavoro accampando una delle motivazioni previste dal provvedimento. Per esempio dichiarando di avere tre figli. Si tratta di più della metà di quelli che percepiscono il reddito. Ora si dice che il sussidio verrà erogato solo a chi accetterà le proposte di lavoro. Ma i dati dimostrano che il reddito di cittadinanza non funziona per le politiche attive.

Neppure come strumento di contrasto alla povertà. Abbiamo speso miliardi di euro per raggiungere solo una parte delle persone realmente povere o che sono inabili al lavoro. Per non dire delle truffe. In Sardegna sono stati smascherati un gruppo di stranieri che auto-dichiaravano la residenza in Italia. Intascavano il reddito. E se ne tornavano a casa loro. A spese dei contribuenti italiani.

Anche la proposta di Matteo Salvini di congelare il reddito per ‘girarlo’ sulle pensioni non va nella giusta direzione. Spostare una voce di spesa pubblica inefficiente su un’altra voce di spesa vuole dire continuare a spendere. Il centrodestra mantenga le sue promesse elettorali. Via il reddito di cittadinanza. Riformiamo profondamente i centri per l’impiego. Ripensiamo la formazione professionale. Premiamo chi si impegna. I Cpi e la formazione che permettono di trovare lavoro.

Mancano 88 mila posti nel turismo. Perché i navigator non si danno da fare per collocare in queste posizioni i percettori di reddito. Smettiamola di spendere soldi pubblici inutilmente.