19 Giugno 2022


Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

Zero emissioni per chi beve Peroni

Zero emissioni per chi beve Peroni

Non ci sono solo le istituzioni che vogliono tutelare l’ambiente, la responsabilità sociale delle imprese continua a essere un elemento determinante. Così, per raggiungere il proprio obiettivo di zero emissioni entro il 2030, Birra Peroni ha stretto un accordo con Absolicon. La società indiana è specializzata nella fornitura di tecnologie per la transizione dai combustibili fossili.

L’intesa prevede che presso lo stabilimento di Bari sia costruito un campo di collettori solari vasto 660 metri quadrati. Absolicon fornirà la tecnologia e garantirà l’integrazione dell’impianto, Birra Peroni sfrutterà il calore solare prodotto per il suo processo di produzione.

La tecnologia Absolicon T160

La tecnologia brevettata si chiama Absolicon T160, il vapore prodotto arriva fino ad una temperatura di 160 gradi e una pressione di otto bar. Essa è perfettamente adeguata al fabbisogno di energia termica dello stabilimento. Dovrebbe essere così garantita l’autosufficienza energetica dell’impianto.

“Grazie alla tecnologia messa a disposizione da Absolicon lo stabilimento di Bari rafforzerà ulteriormente la sua posizione di eccellenza per innovazione e sostenibilità” – ha dichiarato Enrico GalassoAmministratore delegato di Birra Peroni. “Abbiamo tra i nostri obiettivi quello di ridurre i consumi di energia e di minimizzare l’impatto ambientale, e le performance registrate dallo stabilimento pugliese ci confermano che siamo sulla buona strada”.

In questo modo Birra Peroni potrà introdurre il calore solare nel funzionamento della sua produzione, sostituendo i combustibili fossili. Così potranno ridurre le emissioni di anidride carbonica. Durante questo primo anno di collaborazione si svolgeranno dei test e si definirà il potenziale ampliamento del progetto.

Il Ceo di Absolicon, Joakim Byström, ha espresso soddisfazione per l’accordo raggiunto. “Birra Peroni ha grandi ambizioni climatiche e non vediamo l’ora che questo primo progetto congiunto e la tecnologia Absolicon contribuiscano a far raggiungere all’azienda l’obiettivo di una produzione a zero emissioni di anidride carbonica”.