All’Italia serve un buon padre di famiglia che non si indebita

17 Giugno 2022




Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

All’Italia serve un buon padre di famiglia che non si indebita

All’Italia serve un buon padre di famiglia che non si indebita

Le tante adesioni al Manifesto per il Tagliadebito e per il Risparmio lanciato da Milano Finanza mostrano che in Italia ci sono imprenditori ed una classe dirigente responsabile che ragiona come un buon padre di famiglia.

Se ho una famiglia e continuo a indebitarmi sapendo di dover scaricare sui miei figli la restituzione di quei debiti non sto facendo un buon servizio ai miei familiari e alla comunità.

L’Italia ha un debito pubblico che viaggia oltre i 2700 miliardi di euro. Il terzo debito pubblico al mondo. Un peso enorme sul nostro futuro. Ecco perché, tranne qualche bordata elettoralistica, i partiti si sono ben guardati da annunciare strappi in parlamento dopo la decisione della Bce di alzare i tassi.

La classe politica degli ultimi 10 anni sa di non aver fatto abbastanza, o in certi casi proprio nulla per tagliare il debito. Questo è il motivo per cui siamo costretti a dipendere dalle mosse della Eurotower.

Non siamo indipendenti perché continuare a fare politiche in deficit rende poco credibile il governo di volta in volta alla guida del Paese. Giusto quindi quello che propone il manifesto di Milano Finanza.

Impostare una nuova politica di bilancio che punti alla crescita. Superare la logica emergenziale imperante da anni ed anni. Programmare un piano serio di rientro dal debito che abbiamo accumulato. Sono tutti propositi condivisibili.

È il debito che non ci fa crescere. È la spesa pubblica fuori controllo che alimenta quel debito impedendo un vero sviluppo del Paese. Anzi, che mette a rischio la tenuta economica e sociale dell’Italia.

Non si cresce indebitandosi oltre ogni logica. Non si cresce se non si taglia la spesa pubblica. E se non si cresce e non c’è una disciplina di bilancio non è neppure immaginabile tagliare le tasse alle imprese e il costo del lavoro. C’è da augurarsi che quel buon padre di famiglia torni alla ragione.